Storia di un nodo mancato

Negli ultimi tempi si leggono svariati articoli sull’utilizzo dei principali nodi per legarsi in cordata o per semplici tiri in falesia o nelle strutture indoor.

Bulino o nodo a 8??

Sono diversi anni che pongo un’estrema attenzione a questa semplice e banale operazione, un errore potrebbe costare caro. Proprio oggi leggo un altro articolo di un incidente avvenuto in una struttura indoor, le cui conseguenze per fortuna non sono state letali. Ma perché avvengono questi “stupidi” incidenti??

La causa principale è essere esperti, sembra banale ma è così, quando ripeti determinate azioni per migliaia di volte non le fai più con attenzione ma con estrema superficialità e ciò ti porta a commettere l’errore più subdolo che potresti mai compiere; seconda cosa: il non controllarsi a vicenda, se questo venisse fatto il rischio di commettere questa disattenzione sarebbe pressoché azzerato. Prima vi ho scritto che sono alcuni anni che pongo un’attenzione particolare, perchè proprio come lui, anche io non ho concluso l’otto, e ora vi racconto come è andata:

Luogo: Montestrutto (falesia)

Tiro: 5c+ da primo

La giornata parte come al solito, ricordo era una giornata piuttosto calda, piccolo particolare solo per giustificare il mio malsano gesto, il caldo lo odio e mi stordisce. Sapete cosa ricordo di quel giorno? Niente! quando sono sceso non mi ricordavo cosa avessi fatto, solo che ho iniziato ad arrampicare e poi: sosta, cala! Mi abbasso di circa 4/5 metri, per caso abbasso gli occhi e vedo cosa avevo combinato, il capo del ripasso era strozzato dal primo buco dell’8, al termine della corda, circa 5 cm. Un’attimo, un’istante! Afferro il capo! Urlo, cala più in fretta che puoi. La corda non è uscita! Non era il mio giorno, poteva finire malissimo. Il fatto di non ricordare cosa avessi fatto, qualche minuto prima è un chiaro segnale che non ho posto una particolare attenzione a quello che avevo fatto, proprio perché quel nodo l’avrò fatto centinaia e forse migliaia di volte, di certo un check avrebbe evitato quanto successo! L’articolo che vi ho linkato parla anche del nodo bulino ripassato che lo considera un valido sostituto al nodo a 8 perché permette di essere già un nodo senza averlo ancora ripassato. Credo che la considerazione sia assolutamente giusta, perchè il bulino è già di per sé un nodo anche senza ripassarlo, cosa contraria al nodo delle guide, che, nel caso non fosse ripassato non è niente,  la differenza del rischio sta nel ripassarlo o nel non ripassarlo, ma non ripassare l’8 è come non legarsi proprio, detto ciò ritengo che il bulino tra i 2 nodi è sicuramente più sicuro in caso di errore!!

20181211_190658Inoltre vorrei sottolineare un altro piccolo particolare: il nodo a 8 non completato se infilato semplicemente dentro al primo ripasso (se non si sfila mentre scaliamo) in caso di sollecitazioni resta comunque strozzato dal nodo, come accaduto a me, per fortuna!! Stesso identico discorso è per il bulino anche se non “girato” in caso di caduta si gira da solo andando automaticamente a creare il nodo.

Evidenziando questi particolari, resta comunque il fatto che sbagliare un nodo può avere conseguenze assolutamente letali… controllatevi e fatevi controllare, sempre!

e voi come la pensate in merito??

2 pensieri riguardo “Storia di un nodo mancato

  1. Salve. A me è capitata una cosa simile in Grigna facendo una doppia ai magnaghi. Usavo col mio espertissimo compagno fare la doppia solo con l’8 e senza il cordino di sicurezza. Io non avevo fatto corsi di roccia ma il mio socio era uno dei più quotati istruttori ed il cordino di sicurezza non me lo aveva spiegato. Quella volta avevo preparato la discesa come al solito solo che al momento di pesarmi sulle corse proprio mentre stavo per lasciarmi andare mi accorgo che il mio moschettone non era agganciato all’8. D’istinto ristringo le mani sulle corde e aggancio il moschettone. Poi mi lancio giù per la doppia. Bastava una frazione di secondo e non sarei stato qui a raccontarla. Saluti

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...