Comici a Rocca Pendice

FALESIA DEI COLLI EUGANEI E LA SUA STORIA CON EMILIO COMICI


Un giorno andammo insieme a visitare la palestra di roccia di Padova, nei colli Euganei. Gli amici invitarono Comici a provare un tratto di via di sesto grado aperta da poco su una parete. Vi apparivano infissi molti chiodi, tanto arduo era il percorso. Comici fissò la roccia, mi chiese 4 moschettoni e partì, mentre io gli manovravo le corde. Alcuni erano lì sotto e si preparavano a scattagli qualche fotografia, pensando che quel tratto di parete – una ventina di metri – avrebbe impegnato Comici per almeno una decina di minuti. Egli invece si lanciò sullo strapiombo, innestò rapido i moschettoni su 4 soli chiodi ed un colpo giunse al punto prefisso, lasciando uno dei fotografi con tanto di macchina sul naso a cercare invano l’arrampicatore che come una freccia gli aveva tagliato il mirino. Sorpresa e ammirazione di tutti, e rincrescimento di Comici verso il povero amico per averlo così involontariamente deluso.
( tratto da L’ARTE DI ARRAMPICARE DI EMILIO COMICI – a cura di Severino Casara) ed. Hoepli
Link del libro —> Arte di arrampicare di Emilio Comici

Nel 1939 e 1940 la palestra viene visitata da Emilio Comici. Il forte triestino compie varie salite e con Romeo Morten ed Aldo Bianchini attacca anche la direttissima sulla fascia centrale della parete est, che i padovani stanno cercando di aprire in quel periodo. Il tentativo però si conclude poco al di sopra della prima cengia. Comici si ripromette di tornare, ma purtroppo poco dopo cadrà in Vallunga. Il Gruppo Rocciatori, colpito dalla scomparsa del grande alpinista triestino, delibera di intitolare ad Emilio Comici la Palestra degli Euganei e la Scuola di Alpinismo del CAI di Padova. A testimonianza di questo viene apposta una lapide alla base della parete EST a lato di quello ora conosciuto come “Attacco Comici”. La lapide rimane in posto fino ai primi anni ’80 quando viene incidentalmente spezzata e successivamente scompare.
Intanto il problema della “direttissima” coinvolge i più forti arrampicatori della zona. Finalmente 7 ottobre 1940, dopo due giorni di dura battaglia, l’impresa riesce alla forte cordata di Bettella, Bianchini e Morten
(testo e Foto tratte da guida Rocca pendice arrampicata nei Colli Euganei edito da Idea montagna a cura di Marco Simionato e Michele Chinello seconda edizione) Foto: Emilio Comici sulla sua variante agli attacchi
Link del libro —> Rocca Pendice – Arrampicate nei Colli Euganei (Rock climbing in the Euganean hills)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...