Racconti di stra – ordinari alpinisti: Nicola Bottazzin

Inauguriamo un nuovo capitolo, presentandovi il curriculum alpinistico di un nostro caro amico, per tutti Nico, con cui abbiamo ed avremo ancora il piacere di scalare assieme. quando di qualcuno si dice “va su come un gatto!”.. ecco questo è Nico. Classe 1965, alpinista da sempre, preciso, veloce, sale sempre a cuor leggero, in punta di dita, senza strattonare mai la corda, senza mai dire “blocca”. Sale e percorre le vie con tale velocità, che non fai nemmeno a tempo a fargli sicura, quanto senti “cala”!. Si vede che arrampica da tanti anni, trasuda sicurezza e sempre tanta spensieratezza. È di fatto un ragazzino, anche se oggi compie 55 anni ed anzi questo articolo vuole essere il nostro modo di fargli gli auguri! È lo stesso ragazzino che si è cimentato per la prima volta in Piccole Dolomiti, tanti anni fa! Ha mantenuto lo stesso spirito!

Nico ha cominciato a scalare a 21anni, ha fatto numerosissime salite in Piccole Dolomiti e Pasubio ed altrettante vie classiche in Dolomiti, tra cui solo per citarne alcune: Sass Maor, Tofane, Scotoni, Falzarego, Pale di San Martino, in Civetta ha salito lo spigolo Cassin in Torre Trieste, la via Tissi in Torre Venezia, il Piz Ciavazes, la Punta Grohman al Sassolungo, Moiazza ecc. Vie di V e VI, il grado classico (base) per un bravo alpinista! L’esperienza non gli manca, ma sicuramente il suo motore è l’entusiasmo.

Con la sua compagna, Nicoletta, ha anche aperto delle vie in Valsugana (Trento) tra cui la via omonima “Nico e Nico” aperta nel 1992; “Venexiani” aperta nel 1994; nel 2018 hanno aperto “Nata per divertirsi” e lo “Spigolo Elisa” sul Monte Spiz, parete dei Loke (le relazioni dello spigolo e di Nata per divertirsi sono state pubblicate su “Alpi Venete”). Venexiani e la via Nico e Nico sono in artificiale, la sua specialità (relazione nella guida “Arrampicate in Valsugana” edita da Idea Montagna). Altre vie sono state aperte in Sengio Alto e nelle falesie dei colli Euganei (Rocca Pendice, parete ovest “La compagnia degli amici”, Pirio “La via del chiodo”) assieme anche all’amico Francesco.

Tutto è cominciato più di trentanni fa, come ci racconta Nicoletta: “abbiamo cominciato comperando una corda, leggendo una rivista del CAI e con scarpette da ginnastica! Io16 anni, lui 22, abbiamo fatto la nostra prima via nelle Piccole Dolomiti, al Baffelan la Carlesso ed a seguire tutte le classiche e le vie aperte di recente. Chi ci conosce ed è del posto, per anni ha sentito sempre vociare…Nico recupero…Nico partoooo..! Ci siamo poi cimentati ad arrampicare in Valsugana con tante belle vie storiche di Berto Marampon. Nicola in Piccole ha salito in solitaria delle vie poco frequentate allora….oggi risistemate a spit o chiodi. Siamo passati poi in Dolomiti a fare vie classiche, partendo dal Falzarego come inizio. Insieme, condividono anche la passione per il parapendio ed amano girare i colli in sella alle loro bici”

Per noi sono Nico e Nico, due splendidi amici e due incomparabili compagni di cordata, di avventure (speriamo ancora tante!) nonché di recenti disavventure (covid-19, di sicuro ne faremo il nome di una via come riscatto!!) Perché come dice lui, è tempo di ricominciare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...